Chi siamo

Dal 1° gennaio del 2018 un nuovo Ente, il Cosef, è a disposizione delle aziende che hanno deciso di insediarsi e svilupparsi nelle 4 aree industriali più importanti della provincia di Udine.

Rappresenta l’asse dell’industria friulana e incarna l’ente pubblico economico voluto dalla Regione e attuato attraverso la legge Rilancimpresa per dare nuovo vigore e forza propulsiva ai consorzi. È il Consorzio di sviluppo economico per l’area del Friuli (Cosef) risultato concreto della rivoluzione dei consorzi attuata con la legge regionale 3 del 2015 “Rilancimpresa FVG – Riforma delle politiche industriali”, la cui mission è quella di promuovere le condizioni per la creazione e lo sviluppo delle imprese e garantire l'esercizio efficace delle funzioni e l'organizzazione dei servizi a livelli adeguati di economicità. In base alla nuova legge varata dalla Giunta regionale, ha preso il via il processo di fusione tra il Consorzio per la Zona di Sviluppo Industriale Friuli Centrale e il Consorzio di Sviluppo Industriale Alto Friuli. Ne è derivato un organismo, il Cosef, che, dal 1° gennaio del 2018, gestisce direttamente le aree industriali della ZIU e l’area industriale di Osoppo, Gemona e Buia, che ha inteso estendere i servizi tecnici, amministrativi e manutentivi all’area Industriale dell’Aussa Corno e del Cividalese (ex Sifo). Forte degli oltre 18 milioni di metri quadrati di superficie, 306 imprese insediate e quasi 9.000 addetti, il nuovo Consorzio costituisce l’asse dell’industria friulana interpretando la volontà regionale di creare un sistema che sia in grado di affrontare i nuovi, mutati sistemi socio-economici globali, attraverso investimenti su logistica, ricerca e innovazione, export e energia. Asset strategico per il Cosef è l’attrattività del “sistema territorio”: un fattore che accomuna le 4 macroaree che fanno parte del Cosef è sicuramente costituito infatti dal sistema di infrastrutture viarie: l'obiettivo è quello di creare un'unica grande area logistica nella provincia di Udine. Sistemi infrastrutturali stradali, ferroviari e portuali annessi a ogni area rappresentano per le aziende una spinta propulsiva alla crescita e allo sviluppo. Ogni area è caratterizzata da una connessione diretta con i diversi sistemi viari: ferrovia, gomma e, nel caso dell’Aussa-Corno, anche lo sbocco sul mare attraverso lo scalo commerciale di Porto Magreth. Stiamo lavorando per sviluppare Porto Nogaro facendolo diventare, attraverso interventi ad hoc, la meta regolare delle grandi navi mercantili con conseguenti importanti ricadute positive per le aziende insediate.

Con l’entrata in vigore della nuova legge regionale Rilancimpresa, che ha disposto che i trasferimenti ai Consorzi per l’esercizio di pubbliche funzioni possano essere erogati dall’amministrazione regionale solo a favore degli Enti di sviluppo economico costituiti da soggetti pubblici e da associazioni di categoria rappresentative dei settori industriali e artigianali, il Cosef ha ridefinito la propria compagine consortile prevedendo che fosse costituita solo da soggetti pubblici e associazioni di categorie.

Attualmente i soci del Consorzio sono:

Comuni di: Udine, Pozzuolo del Friuli, Pavia di Udine, Campoformido, Terzo di Aquileia, San Giorgio di Nogaro, Cervignano del Friuli, Gemona del Friuli, Osoppo, Buja, Majano, Torviscosa e Cividale del Friuli.
Enti: CCIAA Udine, Confapi Fvg, Confindustria Udine, Confartigianato e Cisl Alto Friuli.

I nostri numeri

infografica

  Superficie Numero imprese insediate Numero occupati
COSEF Oltre 18 milioni mq 306 8850
ZIU Oltre 5 milioni mq 120 3400
Alto Friuli Oltre 3 milioni mq 46 1850
Aussa Corno Oltre 9 milioni mq 104 2500
Cividale Oltre 650 mila mq 36 1100
dati al 31.12.2017