Progetto di fusione per incorporazione del Consorzio Cipaf nel Consorzio Ziu

Entrambi gli enti di sviluppo industriale coinvolti nel processo di fusione sono stati trasformati in enti pubblici economici dalla LR 3/99 che ne disciplina ad oggi il funzionamento e le attività.
Entrambi gli enti sono coinvolti dal processo di riordino dei Consorzi di Sviluppo Industriale introdotto dalla LR 3/15 pubblicata sul 1° supplemento ordinario al bollettino ufficiale n. 8 del 25/02/2015 che ha tra l'altro promosso, come in seguito specificato, le procedure di fusione tra i due enti. A seguito del perfezionamento del processo la ragione sociale del nuovo ente consortile sarà "Consorzio di Sviluppo Economico del Friuli".
L'Assemblea dei soci del Consorzio ZIU nel rispetto di quanto previsto dalla LR 3/2015 e al fine di non incorrere nelle procedure di cui all'art. 63 comma 4, ha deliberato con proprio atto N. 2 del 29/04/2015 le linee di indirizzo per l'avvio del processo di fusione con il Consorzio CIPAF e con medesimo atto ha dato mandato al Consiglio di Amministrazione di espletare, nei tempi previsti dall'art. 63 della LR 3/2015, le attività previste dal libro quinto, capo VIII sezione II del codice civile relativamente alla fusione di società ed in particolare a quanto previsto dall'art. 2501-ter del codice civile relativamente alla redazione del progetto di fusione.
Preso atto della sopra richiamata deliberazione assembleare e degli adempimenti previsti dall'art. 26 della LR 19/2015, modificativa del precedente art. 2 lettera c della LR 3/2015, il Consiglio di Amministrazione ha quindi recepito la volontà assembleare espressa relativamente all'avvio del menzionato processo di fusione deliberando, per quanto di competenza, il progetto di fusione con proprio atto n. 38 del 18/06/2015.
Parimenti il Consorzio CIPAF ha a sua volta deliberato il progetto di fusione con proprio atto del consiglio di amministrazione n. 19 del 22/06/2015.
Gli atti in parola sono stati iscritti presso il Registro Imprese della Camera di Commercio di Udine in data 30.06.2015.
E' stato necessario procedere alla revisione dello statuto al fine di adeguare lo stesso alle nuove disposizioni di cui alla LR 3/15. Il nuovo statuto, che entrerà in vigore con il perfezionamento del processo di fusione in corso, costituisce parte essenziale del progetto di fusione.
Il personale attualmente in forza in entrambi i Consorzi transiterà nel costituendo Consorzio di Sviluppo Economico del Friuli. Il numero complessivo dei dipendenti sarà di 13 unità.